"...perche' il calcio, in Italia - a determinati livelli giovanili - era inzaccherarsi fino alle orecchie in campi di fango, sbucciarsi le ginocchia nei cortili, svegliarsi presto la Domenica e pedalare nella nebbia per andare all'allenamento con gli amici del Ghepard Calcio."

Enrico Brizzi


Io son quello a sinistra, ma non cambia molto...

Il fotografo nella circostanza e' il grande segretario Oasi
Punti



back